La mia storia

Come ho scoperto e scelto di promuovere le costellazioni familiari

Decisamente, non ho sempre fatto il costellatore!

Fin da bambino sono sempre stato appassionato di innovazione. Mi piaceva che le cose avessero un senso ed ero aperto a qualunque disciplina e scuola di pensiero che non pretendesse di chiudermi la mente. Da classico "genio del computer", diventai rapidamente un consulente informatico. Entro i 20 anni avevo già raggiunto una discreta soddisfazione professionale, promuovendo un portale di programmazione, lavorando con varie aziende e collaborando con varie istituzioni, dalla Procura della Repubblica alla Guardia di Finanza, dalle Scuole Civiche alle Organizzazioni di Volontariato.

Poi è cambiato qualcosa.

La vita d'ufficio cominciò a perdere di significato e sentii il bisogno di vivere il "mondo reale". Sentii il bisogno di provare emozioni diverse, di risvegliare e conoscere parti di me sopite da tempo, di cimentarmi in qualcosa di più alto.

Cominciai così la mia esperienza nel mondo del soccorso sanitario. Esordii da volontario in ambulanza, segnando così l'inizio di un cammino destinato a durare 13 anni durante i quali ho lavorato professionalmente nell'ambito dell'emergenza sanitaria in praticamente qualunque frangente.

Fare soccorso, per me, ha significato entrare in contatto con le persone nel momento più delicato. Aprendo il cuore, è stato immediato capire come ognuno di noi ha un suo universo di significati, di emozioni e di sentimenti.

Operare nell'ambito del soccorso e dell'emergenza mi ha portato a lavorare in moltissime organizzazioni, civili e militari, ricoprendo vari ruoli operativi e direzionali.

Mentre vivevo l'avventura del soccorso, un'altra grande forza spiegava le mie ali: l'intuizione di potere crescere a livello personale. Fin da bambino ho sempre sentito di conoscere, in qualche modo, realtà superiori, "massimi sistemi" - anche se non sapevo come accedervi.

Così ho intrapreso qualunque percorso di studi potesse aiutarmi a disvelare questo potere. Da una parte c'era il bisogno di conoscere me stesso, dall'altra il desiderio di evolvere in un destino più alto.
Questo percorso, come spesso accade, non è stato privo di sofferenza e mi ha traghettato attraverso lutti, tradimenti e delusioni profonde, portandomi spesso a chiedermi chi fossi e quale fosse il senso di tutto ciò.

È in questo contesto che ho scoperto le costellazioni familiari. Per la prima volta, tutto acquisiva un significato ed io ne ero parte attiva. Nel tempo, le costellazioni hanno innescato in me profondi cambiamenti: finalmente mi sentivo vivo! Ero finalmente nelle condizioni di fare ordine nella mia vita
Era giunto il tempo di...

Una nuova comprensione

Di missione in missione, mi accorsi di come a volte, anche solo parlandoci, la sintomatologia dei pazienti regredisse. Non parlo tanto di guarigioni miracolose (che non sono certo il mio ambito), quanto piuttosto di come le persone realmente motivate, se stimolate, riuscissero a trovare le risorse interiori necessarie a sbloccare la situazione.

Naturalmente, questo è un potere che abbiamo tutti. La mia unica peculiarità era quella di stimolare quel potenziale latente. Ciò tuttavia era possibile solo se la persona in oggetto soddisfaceva l'unico vero requisito: la capacità di mettere in discussione se stessi al 100%.

Ho continuato a supportare pazienti, colleghi, amici, fino a quando mi è apparso chiaro che fosse giunto il tempo di non occuparmi più dei corpi delle persone, ma delle loro anime.

Oggi

Ho scelto di mettermi al servizio delle persone in un nuovo modo, aiutandole a entrare in contatto con quelle parti di sé che spesso si dimenticano.

Per fare questo mi avvalgo principalmente dello strumento delle costellazioni familiari, integrandole con tutto quello che è il mio bagaglio formativo che, peraltro, cresce di pari passo col mio continuativo percorso evolutivo.

In particolare, mi son reso conto che tante persone hanno dimenticato come ascoltarsi. Essere presenti a se stessi, sapersi osservare e ascoltare senza giudicarsi, sono requisiti fondamentali per qualunque lavoro su di sé, ed è per questo che ho scelto di impiegare tutta la mia esperienze per aiutare le persone in questo compito.

L'elenco delle mie competenze e abilitazioni professionali è riportato nel mio profilo.

  • Iscriviti
Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo e-mail: riceverai via e-mail le istruzioni per reimpostare la password.
[]