Ognuno gioca con le carte che gli danno

Una domanda che mi viene rivolta spesso è: “Come puoi aiutarmi, in pratica, rispetto a questa mia situazione?”. Per espansione, la domanda diventa: “Cosa posso aspettarmi?” o “Cosa accadrà in concreto?“.

Mi rendo conto che espressioni come “rivelare le dinamiche sottili che sottendono una situazione” possano apparire criptiche a chi le sente per la prima volta, benché siano sostanzialmente corrette.

Noto spesso molta confusione rispetto al mio ruolo professionale ed è invece fondamentale che sia chiaro fin dall’inizio affinché non si alimentino illusioni pericolose. Partiamo con una domanda:

Ti piacerebbe se potessi risolvere i tuoi problemi?

Se la risposta è sì, non posso aiutarti. Mi spiace. Davvero.

Vedi, il fatto è che ognuno di noi è responsabile della propria esistenza, come spiego in questo articolo. L’implicazione diretta di questo postulato è che ognuno di noi è responsabile della risoluzione delle proprie dinamiche conflittuali. Nessuna costellazione familiare, di per sé, risolve magicamente una situazione.

Le Costellazioni Familiari & Sistemiche sono uno strumento stupendo -e non l’unico- per prendere consapevolezza delle dinamiche sottili che sono all’origine dei conflitti di oggi, ma di per sé non “aggiustano” nulla.

È infatti tranquillamente possibile acquisire consapevolezza dell’origine di una dinamica conflittuale senza che questa informazione apporti alcun beneficio concreto.

In buona sostanza, scoprire di avere avuto un avo che comprò un topolino alla Fiera dell’Est, di per sé, non farà grande differenza nella nostra vita. Questo perché la mera informazione passa da un piano esclusivamente razionale.

La funzione delle Costellazioni Familiari & Sistemiche non è tanto quella di acquisire informazioni e di operare sul piano razionale, quanto piuttosto quella di entrare in contatto con parti di sé e lasciarle esprimere.

Il mio compito è aiutarti innanzitutto a vedere queste parti; quindi, per quanto vorrai permettermi, a entrarci in contatto. La responsabilità di vederle e di dar loro spazio, tuttavia, è unicamente tua.

Per vedere e contattare queste parti di te non è possibile usare la mente. La mente è una parte importante di noi, ma non è deputata a questo genere di esperienze (anche se spesso gliele deleghiamo). Il contatto si può stabilire unicamente col cuore.

Se rispetto al tuo tema senti giudizio di qualunque genere, astio, aspettativa che qualcun altro cambi qualcosa per sistemare la situazione… allora non sei sul cuore.

Anche davanti alle situazioni più forti, quelle rispetto alle quali tenderemmo a considerarci impotenti davanti al misfatto di qualcun altro, abbiamo sempre la possibilità di agire: il primo passo è andare oltre il giudizio e aprire il cuore.

“Io posso cambiare, ma se non cambia anche l’altro non serve a niente.” è un’altra espressione fortemente ingannevole. Dice Gary Goldstein: «Puoi cambiare solo te stesso, ma questo cambierà ogni cosa.». Posso garantirti che è vero.

Una Costellazione Familiare & Sistemica può senz’altro aiutarci a comprendere come si è potuta verificare una certa dinamica, ma la risoluzione passa dalla nostra capacità di rimanere responsabilmente presenti al tema e aprire il cuore. Questo è un compito che non può essere delegato a nessuno e, per nostra grande fortuna, non dipende da nessun altro se non da noi.

Possono averci traditi, abbandonati, aggrediti, umiliati… e questo fa parte del nostro destino. E adesso cosa siamo disposti a fare?

Ecco quindi come posso aiutarti nella pratica: posso aiutarti a comprendere l’origine della situazione che stai vivendo e, quindi, a risolverla, a patto che tu sia veramente intenzionato a superare il giudizio e a contattare il cuore.

Perché, in buona sostanza, ognuno di noi gioca con le carte che gli danno. Passare la partita a lamentarsi delle proprie carte non risolverà la situazione.

  • Iscriviti
Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo e-mail: riceverai via e-mail le istruzioni per reimpostare la password.
[]